Cos’è un e-Commerce

Cosa si intende con la parola e-Commerce? Cosa prevede il “Commercio Elettronico”? Per dare una risposta a queste domande consultiamo Wikipedia che ci fornisce questa definizione: “Il commercio Elettronico (e-Commerce in inglese) viene utilizzato per indicare l’insieme delle transazioni per la commercializzazione di beni e servizi tra produttori (offerta) e consumatore (domanda), realizzate tramite internet.”

Le transazioni avvengono tra almeno due attori (domanda-offerta), la differenza, rispetto al commercio tradizionale, sta nel mezzo: internet.

L Commissione UE nella Comunicazione 97/157 definisce il commercio elettronico:
“L’e-Commerce consiste nello svolgimento di attività commerciali e di transazioni per via elettronica e comprende attività diverse quali: la commercializzazione di beni e servizi per via elettronica, la distribuzione online di contenuti digitali, l’effettuazione per via elettronica di operazioni finanziarie e di borsa, gli appalti pubblici per via elettronica e altre procedure di tipo transattivo della pubblica amministrazione.”

Non si parla più solo di internet, ma di una generica “via elettronica”, ciò contribuisce ad includere nell’insieme anche le attività presenti nel Televideo, TV e altri contesti simili.
L’ultima caratteristica fondamentale del commercio elettronico, secondo il D.L. 114/98 del nostro ministero, in cui definisce che la vendita avviene “tramite altri sistemi di comunicazione” con contratti a distanza e più in generale, la conclusione della vendita avviene “fuori dai locali commerciali”. Ecco perché in termini legislativi l’e-Commerce rientra nelle “forme speciali di vendita”.

Esistono poi diverse tipologie di e-Commerce in base ai ruoli e agli attori che prendono parte alla transazione:

  • B2C - Business To Consumer che identifica principalmente la vendita al dettaglio, dove un privato acquista per scopi personali.
  • B2B - Business To Business dove le transazioni avvengono tra imprese e professionisti con lo scopo di acquistare beni o servizi legato all’attività professionale.
  • C2B - Consumer to Business dove è l’azienda che acquista da un privato (come su eBay)
  • C2C - Consume To Consumer che comprende tutte le transazioni tra privati, solitamente attraverso e-Commerce che offrono servizio di mediazione ma non intervengono nella fase di transazione.

Inoltre è possibile suddividere commercio elettronico anche in base alla tipologia di vendita come:

  • e-Commerce diretto dove le modalità di vendita si perfeziona online, senza spedizioni di oggetti, che di dominio esclusivo dei servizi e dei beni immateriali.
  • e-Commerce indiretto che al contrario di quello diretto, è necessario consegnare il prodotto all’acquirente per far si che la vendita sia andata a buon fine.
  • e-Commerce su portale è quella forma di vendita dove chi vende si poggia su un’infrastruttura di terzi parti che gli permette di vendere al suo interno (vedi eBay).

Sono aspetti fondamentali da tener presente, in quanto esistono differenze sostanziali legate alla normativa vigente, alla gestione dell’attività, alle informazioni obbligatorie da fornire, gestione IVA, al diritto di recesso e così via. Una volta che hai definito il tipo di e-Commerce ti sarà più facile capire le regole e i vincoli ai quali ti devi attenere.

Se vuoi partire con un progetto

L'e-Commerce nei Dettagli

Vogliamo discutere di un nuovo progetto web su misura?